martedì 30 settembre 2008

Mi ricorda qualcosa...

L'attrice Heather Locklear mentre viene fermata dalla polizia di Santa Barbara e testata per il drink'n'driving....
Al Santa Barbara County Jail ne avrà per qualche giorno...

Ma qualcuno l'ha detto a Courtney?


Forse ha frainteso un mio consiglio con cui esortavo a sniffarle, fatto sta che un'artista autraliana si vuol fumare le ceneri di Kurt Cobain.
Le ceneri che erano state rubate dalla casa della Love.

Le ceneri della cui provenienza l'artista autraliana non vuol parlare.....

Un amico malizioso suggerisce "Via Lemanidallaborsetta"

martedì 23 settembre 2008

prima no, dopo questa domanda del cazzo sì

lunedì 22 settembre 2008

Mi sono rammollito, ora li vedo tutti DOs

Se hai un amico come lui, una telefonata basta a farti tornare di buon umore (peccato solo non poter chiedergli in prestito un paio di jeans, se serve).

*****************

....e via, verso un altro convegno di filosofia della scienza (vorrei portarmelo sempre dietro quando, a cena fuori, la conversazione necessita d'essere alzata di livello)!

venerdì 19 settembre 2008

potevate dirmelo prima?


che figura ci ho fatto col tizio asiatico dei fuck buttons quando mi ha detto di questo

giovedì 18 settembre 2008

mercoledì 17 settembre 2008

La quintessenza dei DOs



(via)

lunedì 15 settembre 2008

Enterpride

Bella Mr. Sulu. Molto carini. Non come un amico un po' mascalzone che per l'incontro tra gay e fantascienza suggerisce il terribile calembeur fro-sci-fi. Ma lo fa con affetto, eh.

giovedì 11 settembre 2008

Stuck in a Moment She Can't Get Out Of

Come Sharon Stone per l'assassina bisessuale dall'accavallata di gambe con vista, Mena Suvari, qualunque cosa faccia, qua da noi è sempre ricordata per l'adolescente che in un tripudio di petali di rosa fa arrazzare Kevin Spacey in American Beauty.
Anche quando è la protagonista di capolavori come Stuck, in cui si cimenta in una tristissima scena di sesso interrazziale con inserto thriller-horror che solo i tabloid scandalistici come...il Corriere della Sera possono definire "scena bollente".

mercoledì 10 settembre 2008

perche' visti i tempi che corrono, qui non si butta via niente...

...un po' come il maiale.

cosi', pubblico listina di dischi del 2008 occasionata da e-mail che promisi tempo fa ad amici che hanno da un po' di tempo smesso di tenersi musicalmente aggiornati. la lista cerca di interpretare anche quello che e' il disco che fa per loro (ossia, niente harvey milk, health, crystal antlers, etc.). la pubblico cosi' com'e' stata scritta, di getto. ciao a tutti. (and feel free to shoot me a) per la roba che ho messo/omesso e b) per avere bruciato i tempi e fatta simil classifichetta il 10 settembre - sai com'e' mi portavo avanti nell'ipotesi meccanismo di fine di mondo di cui si parlava in sti giorni)

Best of 2008 so far. Dario, feel free to jump in if I missed something.

  • Fleet Foxes - sia omonimo LP che Sun Giant EP. Rivelazione dell'anno. Melodie senza tempo. Armonizzazioni da brivido. Lui ha 22 anni e assomiglia a Gesu' Cristo. Sua sorella e' una figa e sta con il batterista e mi ha fatto entrare gratis al concerto.
  • The Raconteurs - Consolers of the Lonely. "Side project" di Jack White dei White Stripes. Virgolette d'obbligo, visto che e' una band cui dedica piu' di meta' del suo tempo. Classic rock at its best: Zeppelin, Dylan, Who, Stones, Beatles. Tutto dentro. Canzoni eccezionali e la miglior live rock n roll band sulla piazza.
  • Portishead - Third. Molti lo segnaleranno come disco dell'anno. Cupissimo. Meraviglioso.
  • Beach House - Devotion. Il disco che farebbe un John Lennon ispirato se fosse ancora vivo. La terza canzone, Gila, e' uno dei pezzi piu' belli dell'anno e forse del decennio.
  • Black Mountain - In the Future. 70s rock. Hard rock, hard blues, tra Sabbath e Zeppelin. Uomo e donna che cantano. Un trip. L'ho ascoltato fino alla nausea. Non mi stanca mai.
  • Bon Iver - For Emma, Forever Ago. Oltre ad avere un titolo meraviglioso e struggente, abbiamo di fronte l'altra rivelazione dell'anno. Un cantautore al cui confronto Damien Rice sembra Ron. Il disco che ha messo d'accordo tutti.
  • Crystal Castles - omonimo. Chiaccheratissimo disco di 8-bit dance. Il remix di Crimewave degli Health e' la canzone dance dell'anno. Se sei nella vena di elettronica movimentata, questo e' un bel disco.
  • Cut Copy - In Ghost Colours. Disco dance dell'anno. Mi mette di buon umore solo a sapere che ce l'ho nella collezione. Dal vivo sono pure divertenti. Gli eredi dei New Order.
  • Fuck Buttons - Street Horrrsing. Sorpesa per tutti. Sperimentale, post-apocalittica (si dice? forse no, ma visto che si parla di musica who fucking cares?). Rumore e melodia combinati. Gran, gran, gran bel disco. Il futuro?
  • The Hold Steady - Stay Positive. Spreengstiniano. Il meglio della tradizione del rock and roll a stelle e strisce. Conoscendoti, sto disco non puo' non piacerti.
  • M83 - Saturdays=Youth. Piu' passano gli anni, piu' questo duo francese matura e diventa piu' accessibile senza perdere credibilita', anzi. Questo disco e' destinato a diventare un classico. Sara' in vetta a tutte le classifiche di fine anno.
  • No Age - Nouns. Art-punks di L.A. Le darlings della music press del 2008. Se reggeranno o meno le aspettative lo sanno in pochi. Il disco di esordio e' un gioiello di lo-fi (ma davvero lo!). Pop-noise at its best.
  • Santogold - omonimo. Una delle rivelazioni femminili dell'anno. Pop molto eclettico. Ingiustamente paragonata a M.I.A. L.E.S. Artistes e' una delle canzoni piu' ascoltate nei locali a NY.
  • Sigur Ros - titolo in islandese con caratteri assenti dalla mia tastiera, chiedi l'ultimo. Il loro disco piu' accessibile. Gran bel disco da ascoltare quando non riesci a decidere che cosa vuoi ascoltare.
  • Tilly & The Wall - O. Un disco molto carino. Non so come altro definirlo. Lo faccio suonare e ogni volta dico, proprio carino sto disco.
  • The Walkmen - You & Me. Gruppo indie storico di NYC. Disco della maturita' quando parevano essersi persi. Lo ascolti 4 volte dici "si okay, ma perche' tutto sto casino per sto disco". Lo metti la quinta volta e ora di sera lo hai gia' ascoltato quindici volte. Uno dei miei top tre dell'anno.

Vale la pena anche segnalare ultimi dischi delle seguenti bands: Supergrass, Spiritualized, Wolf Parade, Why?, Testament (si', i Bay Area thrashers degli anni '80!), Neon Neon, Magnetic Fields, Ladytron, Jay Reatard, Hercules And Love Affair (altro disco dance dell'anno, anzi a sentire la stampa IL disco dance dell'anno).

Dischi che non ho ancora sentito ma a sentire gli altri si preannunciano clamorosi, gli ultimi di: Of Montreal, TV On The Radio, The Dutchess and the Duke (totale revival della Britsh Invasion piu' fighettosa - pensa a Kinks o agli Stones di Brian Jones - con canzoni clamorose).

lunedì 8 settembre 2008

Need a little more time to wake up, uh?

Una vita a fare il bullo di quartiere eppoi guarda che fine mi fai se solo ti danno una spintarella.



Ti ricordo come reagiscono i migliori.

Cool beings from the very north


Lo so, amico, fare la guardia è dura: devi stare immobile per ore, non puoi parlare con nessuno e con la fame che ti ritrovi se solo potessi ti sbaferesti in un boccone quel pacco gigante di marshmallow che ti hanno lasciato proprio davanti per dispetto.

* * * * * * * * * * * * * *


Forse l'animale più cool di sempre.

* * * * * * * * * * * * * *


Questa è la nonna che ho sempre voluto, quella che non fai a tempo a dirle che hai freddo e vorresti una copertina e lei è già fuggita in strada, paglia al becco e plaid a mo' di poncho buttato addosso, a pensare ai cazzi suoi.

sabato 6 settembre 2008

Spargimenti - Milano

Nel blog che celebra la città della madonnina non poteva mancare l'omaggio anni novanta e noise degli Spargimenti, in questa traccia di soli due, intensissimi minuti, alla città della nebbia e dei soldi.
Tratto dal demo tape omonimo la cui storia trovate qui.
Io l'ascolterei. E' un peccato perdersela!
Avant garde extreme noise rock!
Tutti fuori di qui!
Spargimenti Milano.mp3

venerdì 5 settembre 2008

In Norvegia

Le case sono colorate di rosso. É come se fosse l'unico colore rimasto nei negozi di vernici, e a loro sta bene così. É un colore caldo.
A proposito: fa freddo, ad agosto, in Norvegia.
E piove. Tanto. State navigando in un fiordo, tra gli spettacoli naturali più famosi del mondo, ma rimanete comodamente dentro il battello. Tu assieme ai giapponesi che fanno foto col flash immortalando vetri appannati e gocciolanti e poi ridono, felici. Si vedrà solo la loro faccia ghignante riflessa sul vetro e questo, forse, fa ridere.
Ci sono un sacco di passeggini e donne incinte. Si danno da fare, nel settore procreazione, i norvegesi. Sarà che si annoiano; sarà che non sono poi così freddi; sarà che sono sempre ubriachi; sarà forse che il loro stato elargisce agevolazioni a go-go per le giovani coppie che optano per la conservazione della specie.
La cosa ha del paradossale nel paese che "vanta" il record nel campo del togliersi di mezzo. Pensavo fosse un luogo comune che i nostri mezzi di disinformazione ci propinano da anni per dare un tozzo di pane ai giornalisti che tengono famiglia. E invece passeggiando alla sera per un paesino in mezzo al nulla minerario, se tendi l'orecchio, puoi sentir, proveniente dalle finestre, lo sfregare delle corde con cui vengono creati i cappi, da tener pronti nel caso ci si svegli nel mezzo della notte con la voglia. Almeno, è quello che farei io se abitassi in quel paesino minerario.
E ci sono dei posti proprio belli, quando esce il sole. E quando esce per due ore in dieci giorni, in quelle due ore fai foto. Che è la scusa di questo post, poi.

lunedì 1 settembre 2008

Back with some Dos


Non appena l'ho vista, le ho chiesto subito la mano; lusingata, si è purtroppo detta ancora troppo legata al ricordo del defunto marito Eugenio; peccato. Però ha posato per me, per un'unica, indimenticabile foto della chick più hot e cool del Trentino.


* * * * * * * * * * * * * * * * * * * * * *


Il colonnello Sanders, fondatore nonché immagine stessa della catena di fast food Kentucky Fried Chicken, non era uno sprovveduto; infatti prima di passare a miglior vita ha lasciato precise disposizioni affinché i suoi nipoti facciano il giro delle fiere di paese di tutto il mondo per controllare che baracchini di sedicente cucina tex mex gestiti da certi "Negroni" non copino la sua famosa ricetta per cucinare il pollo fritto; i nipoti, nel caso vi fosse bisogno di "convincere" qualcuno con le maniere forti, si portano dietro scagnozzi rockabilly che fanno brutto.