venerdì 16 maggio 2008

Indie gossip: The Kessler Maneuver


A New York la mattina della partenza ho visto Carlos D portare fuori il cane a Tompkins Square Park; a Milano l'altro ieri, al Mono, ho visto Daniel Kessler portare fuori Valeria Bilello. Anzi, probabilmente è il contrario, visto che lei giocava in casa e l'ha giustamente portato in uno dei pochi locali in cui anche io porterei una conoscenza newyorchese senza timore di briatorismi e loungismi vari.
Quando il chitarrista degli Interpol è entrato l'ho riconosciuto subito; Vale invece - all'inizio un po' dubbiosa - ha poi riconosciuto la vj di All Music (io ho riconosciuto lui, lei ha riconosciuto lei, una bella prova per degli etero in un locale gay) e fatto un interessante collegamento da cui è partita la nostra congettura (nota a margine: apparentemente siamo stati gli unici ad accorgerci della coppia di quelli che in quel posto dovrebbero tranquillamente potersi definire VIP). La bella presentatrice aveva infatti intervistato la band di Brooklyn in occasione della loro ultima data meneghina.

Devono essersi innamorati in quell'occasione, perché poi han preso a frequentarsi e sono stati recentemente avvistati anche al concerto dei Kills. Probabilmente lui fa avanti e indietro. Che bello.


(qua sopra un Kessler in versione giocatore dell'Atalanta qualsiasi che ascolta Ramazzotti, come del resto pare faccia anche Paul Banks)

Oppure no. Lei si ritrae (Hands Away) proprio mentre lui cerca il contatto fisico allungando lentamente il braccio attraverso il tavolo senza riuscire a raggiungerla (Slow Hands). Cioè (ora divento un superficiale maschilista dimenticandomi appositamente per un attimo che lei è un'intellettuale, una regista, ha un cervello, ha una personalità), hai per le mani uno degli Interpol, la tua più grande conquista sinora è stata il Nongiovane, e fai la ritrosetta? Insomma, come si è chiesta Vale, cosa vuoi di più dalla vita, un Negramaro? E intanto il braccio chitarristico del nostro giaceva sul tavolo ineluttabilmente informicolato. Per un po' ho tifato per lui, poi mi sono stufato. Ma possibile che con tutte le groupie che ti ritrovi a casa sei voluto venire qua a incasinarti con una donna del sud che ora porta degli occhialoni neri da vista...senza lenti e che chiede al barista: "ma voi, qui, il Negroni lo fate col gin?". Qui dove? Al Mono? A Milano? Nel nord Italia? Non puoi semplicemente chiedere uno sbagliato?
Però, che figa.

15 commenti:

  1. mi sento un pò meno pirla.

    ah e sei responsabile del fatto che ho ho messo su Turn on the bright light nonostante sia sveglio da 23 minuti

    RispondiElimina
  2. essendo uno dei migliori dischi del decennio, ben venga la mia responsabilità!

    RispondiElimina
  3. eh, che figa sì.
    ma alla fine? un bacetto? Niente?

    RispondiElimina
  4. Per timore di levare dalla cima del blog le tette di quella, temo non scrivero' piu' un post in vita mia.

    icepick, sei proprio un genio del giuoco a somma positiva: non solo i tuoi lettori possono continuare a bearsi delle suddette tette, ma finalmente riusciranno a liberarsi una volta per tutte delle cazzate che scrivo.

    RispondiElimina
  5. no, niente bacetto; anzi, vedere quella mano che cercava il contatto senza successo mi ha straziato il cuore; quell'uomo era tenerissimo nella sua timidezza (e inoltre un vero lord per eleganza sia di vestiario sia di modi); ha tentato pure la carta giocosa "rubandole" gli occhiali ma poi non ha avuto il coraggio di portarla alle estreme conseguenze, cioè - sempre per giuoco, si intende - spaccarli in mille pezzi (così peraltro soddisfacendo un mio segreto e tacito desiderio).

    ma forse sono solo le impressioni falsate di un mezzo maniaco che sostanzialmente le sarebbe saltato addosso senza tanti cerimoniali.

    RispondiElimina
  6. Veramente figa.

    Ice, era ora di far vedere un paio di tette.
    Ecco cosa mancava.
    Un paio di tette.

    Bravo, sei anche riuscito a rimanere nel tema del tuo blog.

    Io non ci vedo nulla di strano nel comportamento di Kessler.
    E' veramente figa. e poi è Italiana. E del sud. Immagina cosa deve rappresentare per lui una così.

    Che figa.
    E che tette.

    Sao.

    RispondiElimina
  7. certo che però se riuscivi anche a documentare una cilecca eravamo tutti più felici di sapere che ste due tutta sta carne andavano ad uno ancora più normale.

    RispondiElimina
  8. Il Mono? Ah, sì, lo conosco! Bei tempi quelli dei cessi in presa diretta! (Il link inizierà a funzionare quando avrò finito di taggare retroattivamente tutti i miei post su tumblr, attendete con giuoia quel giorno!)

    RispondiElimina
  9. Sao parla sempre di tette.
    La domanda è:la tua fidanzata per caso non ce l'ha?

    RispondiElimina
  10. stanno insieme gia' da un bel po.lo sanno tutti.

    RispondiElimina
  11. comunqe w la musica!

    brava bilello

    sucare duro
    sucare sempre

    RispondiElimina
  12. someone translate this to english, pleaseeeeeeeeeee!

    RispondiElimina
  13. le leccherei il buco del culo mentre canterei una canzone degli interpol

    RispondiElimina
  14. Nell'intervista che lei ha fatto al gruppo , il cantante fa una battuta su quello che lei e Daniel hanno fatto la sera prima. Possibile che una così seria si faccia dare una botta da un chitarrista appena conosciuto come una groupie da 2 soldi. Che delusione! Mi è crollata!

    RispondiElimina
  15. siete degli sfigati

    RispondiElimina