venerdì 28 dicembre 2007

twittando sulla milanobainait -- a few episodes later


@plastic: love it or hate it, l’astronave resta sempre ai vertici. Sempre un rituale andarci, entrare, divertirsi. Quando ci si riesce (in una doppietta ven-sab) ripaga di brutto. I mash-up di Guiducci poi …









@atomic: uno dei miei bar preferiti di tutti i tempi. Acustica eccellente, baristi generosi, clientela sempre varia e interessante. Un altro classico caso di non-sembra-di-essere-a …

@rocket: doveva essere aperto circa ogni sera ma non lo e’ mai stato. In compenso Massi era ovunque.

@tango: ogni anno sempre piu’ consistente, direbbero gli ammerigani. Salti mortali quanto a progressi nella selezione musicale. Certo, la fauna potrebbe migliorare, come in tutti posti albergati da aficionados.

@magazzini generali
: I "magazzi" ti fanno capire a cosa servono in fondo le guerre, mondiali incluse. C’e’ un sacco di umanita’ di cui bisogna disfarsi (oggi piu’ che mai visto l’autogol del suffragio universale).

@gasoline: una vodka red bull e un bicchier d’acqua … una vodka red bull e un bicchier d’acqua … una vodka red bull e un bicchier d’acqua … una vodka red bull e un bicchier d’acqua … una vodka

giovedì 27 dicembre 2007

Che diavolo stai dicendo, Bateman?

"Sì, pronto, sono io, Gary: non è che mi puoi procurare un rapitore da assoldare? Avrei un lavoretto facile facile"
Jason Bateman rilascia un'intervista al Guardian in cui riflette senza mezzi termini su come la sua carriera sia ridecollata dopo anni di flop per un colpo di culo e più in generale su come a Hollywood sia spesso il caso a dominare le sorti degli attori.
E per rafforzare il concetto si immagina questo:
"Let's say, God forbid, Gary Coleman got kidnapped tomorrow. That would lead the national news. Then he would get released, maybe in a month, but now he is revitalised, currently relevant, and a great piece of casting for a new project. If he does that project and he's halfway decent in it, he's got another career. It's an awful way to make a living if your success is predicated on some arbitrary moment of exposure."
Non trovate sia sottilmente crudele nei confronti del nostro amico Arnold, considerato che proviene dall'acclamato protagonista di una serie che si intitola sviluppo bloccato?

Quella Sistina

Lucio Dalla, in un'intervista a Petrus, il quotidiano on-line sul Pontificato di Benedetto XVI, si professa devoto nientemeno che dell'Opus Dei e fervente ammiratore di Papa Ratzinger: solo ora si comprende che quando cripticamente parlava di cappella, si riferiva a quella Sistina.

Prima di salir le scale mi son fermato a guardare una stella sono molto preoccupato, il silenzio m'ingrossava la cappella. Ho fatto le mie scale tre alla volta, mi son steso sul divano, ho chiuso un poco gli occhi, e con dolcezza è partita la mia mano.

mariachi o ubriachi, si suona tutti un po' uguali


Klaxons were on tour in Mexico City recently and dropped into a cosy little cantina for beers and burritos. Several tequilas later, they harangued a Mariachi band into lending them an accordion, a tololoche, a cuatro and a tambora. The boys then delighted locals with an impromptu Norteña version of their hit "Golden Skans" that left the bar begging for "Otra! Otra!"

(da Vice Magazine)

domenica 23 dicembre 2007

chi va piano va sano e va lontano


La classifichina proprio pronta non e'. Meglio cominciare a mettere un po' d'ordine (che continua a cambiare -- e' gia' la quarta bozza che posto).

Short List.

Of Montreal
Battles
Band of Horses
Black Francis
M.I.A.
Les Savy Fav
King Khan & The Shrines
Goodnight Loving
A Place To Bury Strangers
Iron & Wine
No Age
The Arcade Fire
Spoon
The National
LCD Soundsystem
The White Stripes
Liars
Panda Bear
Animal Collective
Klaxons
Electrelane
Blonde Redhead
The Ponys
Sunset Rubdown
P.J. Harvey
Ryan Adams
Okkervil River
Feist
Modest Mouse
Caribou
The Black Lips
Jose Gonzales
The Field
Bright Eyes

Neutrale.

The Shins
Stars
Kevin Drew & Broken Social Scene
Bat For Lashes
White Rabbits
Radiohead
Patrick Watson
Simian Mobile Disco
Burial
Deerhunter

Tutti impazziscono ma io boh.

Arctic Monkeys
Jens Lekman
!!!
Justice
Wilco
Deerhoof

Delusioni.

Clap Your Hands Say Yeah
Bloc Party
The New Pornographers
Architecture In Helsinki

mercoledì 19 dicembre 2007

Che imbarazzo....#1


La notizia che Max Biaggio Antonacci avesse copiato i Santo Niente all'apparenza mi sembrava la classica bufala tipo Michael Jackson che copia Albano. Quelle cose che stanno sul filo della melodia e variano per un intervallo... 'no non ci casco' - ho pensato. Poi incurisito ho visto che si trattava del furto dell'idea per un video e a quel punto non ho potuto fare a meno di googlare la faccenda mettendo a confronto i due video. Il risultato da qualunque lato lo si voglia guardare è shokkante. Si tratta di un qualcosa che può essere definito solo in due maniere: o uno sporco immondezzaio come non sen'erano mai visti o un tentativo sublime di onorare un gruppo mezzo morto. La mera candida innocenza non può proprio far parte delle ipotesi. Se fosse la seconda cosa e Biaggi ammettesse l'errore nel non aver dichiarato subito il mezzo tributo al gruppo morto o il tributo al gruppo mezzo morto o come cazzo lo volete chiamare voi, Max Antonacci mi comincerebbe a diventare pure simpatico. Penserei. 'Cazzo una passione vera e disinteressata per la musica allora cel'ha avuta pure lui...' Anche se infondo penserei subito, maliziosamente, che la passione vera cel'aveva il regista (che per inciso dei due video non mi è dato sapere chi sia, spero proprio non la stessa persona perchè sarebbe troppo ridicolo...).
E' stato il regista a ripescare da un cassetto l'idea di mettere in chroma key una ragazza e virarla con un effetto disegno che c'è anche su Adobe Premiere e che infatti risale al 1991?... Vorrei pensare che fosse così. Ma preferirei ancora di più pensare a Max Biacci che ama in gran segreto i Santo Niente e finalmente smentisce quella fama di "star amico solo delle star" che si porta dietro da sempre. Usmo che non sia così. Ho paura che si tratti della prima ipotesi (un lurido immondezzaio dove un cantante da Amici si permette di rubare l'idea di un video in maniera smaccata e arrogante a un gruppo mezzo sepolto, pensando pure di farla franca perchè tanto chi cazzo li conosce 'sti Santo Niente.)
Cen'è da digrignare i denti di fronte alle derive del patetico e del ridicolo nell'industria discografica main stream... Non so.
Riesco solo a pensare. Che imbarazzo...

Ragazzi, posso sedermi al tavolo con voi?

Mi stava sfuggendo una notizia uscita a maggio, cioè un secolo fa. Come certe cose possano succedere, non so. Buchi, buchi neri che risucchiano anche le informazioni più importanti e ti espongono al rischio di sfigurare in una conversazione sociale da aperitivo in cui un minuto prima eri quasi riuscito a passare per una sorta di cinefilo.
De Niro e Pacino insieme. Ancora, dopo Heat in quella famosa scena al tavolo di un locale, che se passo ancora una volta da L.A. ci vado e mi ci siedo*.
Solo che qua non si tratta di vederli assieme brevissimamente in un'unica inquadratura e separati per il resto del film. O di leggerne i nomi nello stesso cast (cfr. Padrino parte II).
Qui faranno coppia. La coppia di protagonisti.
Forse il film, in uscita nella sale d'oltreoceano il 18 aprile 2008, non sarà una bomba; il regista e la non particolarmente originale plot outline di IMDB non fanno sperare nel capolavoro.
Two Veteran New York City Detectives hunt a vigilante who may be one of their own.
Ma chissenefrega, ragazzi, francamente io a loro voglio un bene enorme: con loro ci sono cresciuto.

Sono solo un po' invecchiati.


Ma non smettono di sedersi (ancora?) assieme a un tavolo.


*The meeting between Robert De Niro and Al Pacino over coffee was shot at Kate Mantilini on Wilshire Blvd. in Beverly Hills. The L.A. mainstay is a noted top spot for a stylish late supper. The restaurant now has "heat" spelled in neon above the door and a large poster of the actors in the now famous scene. Diners may request the very table featured in the scene, table #71, which wait staff are familiar with as "The Table", and are happy to seat De Niro Pacino fans at their famous meeting place.

martedì 18 dicembre 2007

Like a Tumblr

photo by Jim Bourg
Tears run from the eyes of U.S. President George W. Bush during a ceremony in honor of Medal of Honor recipient Marine Cpl. Jason Dunham in the East room of the White House in Washington, January 11, 2007. Cpl. Dunham was killed when he jumped on a grenade to save fellow members of his Marine patrol while serving in Iraq.
Segnalo le Pictures of the Year 2007 di Reuters. Fa anche da ripasso degli eventi dell'anno.

Straight to MTV, straight to hell (girl)


M.I.A. la ribelle, la figlia di un attivista cingalese Tamil, in questi giorni si confronta col mondo capitalistico fatto di cattivoni che le censurano i video che vengono trasmessi da emittentine indipendenti come MTV e le edulcorano le partecipazioni a programmini televisivi di nicchia come il Late Night with David Letterman; lei non ci sta, e non le manda a dire a nessuno! Infatti è sul suo myspace che spiega ai fans che è insieme a loro che sta imparando sulla propria pelle, giorno dopo giorno, come funziona sto mondo corrotto dai soldi. E che lei ha fatto di tutto per evitarlo.
to all my fans, look, its like this, im learning things about this world with you, i want you to see what happens to me , i want you to see how people will sit and spend all sunday tearin me down for something i didnt even make or put out, so people welcome to modern day propaganda message mangling.
in 2007, an outsider opinion will be confronted this way , and this is how the battle goes, my messages and ideas and meaning will always be brought to you with slightly tainted channels. if you support me be smart, and know that.
i love you, u keep me going.
xxxxxx
maya
A me, dall'incriminato video di Paper Planes (il brano col campionamento dei Clash)

e dalla sua apparizione da Letterman

pare che si stia avviando verso un’immagine MTV friendly di ennesima gnocca di colore in da hood. Ovviamente spero vivamente di sbagliarmi, anzi, sicuramente mi sbaglio.


Di certo oggi rimane solo che lei – in questo momento - per me è davvero la donna più bella (e più cool) del pianeta terra. Un po' come lo era Lauryn Hill ai suoi tempi.
Oh mio dio, appunto.

commenting under the influence

Di recente ho preso la brutta piega di tornare a casa da serate in cui si e' alzato il gomito proprio quel tantino e prima di andare a nanna sfoglio i blogs di alcuni assi della rete. E con la mente titillata dalle loro geniali osservazioni, non riesco proprio a trattenermi dal commentare e comenntuare e cmmetarde ... cmetardi ... ... ...

Il rituale che si verifica ogni volta e' che il mattino dopo, invece di cimentarmi come tutti i drunkards che si rispettino nelle (ben piu' nobili) walks of shame del sesso occasionale, mi tocca piu' prosaicamente constatare con orrore le idiozie che ho scritto a casa d'altri. Tutte rigorosamente piene di errori di varia natura, ortografia inclusa.

Qualche esempio.

1. Si va dai piccoli errori di sbadataggine tipo nel commento a post di Inkiostro dove il nostro ha linkato video che svela la frase finale di Lost In Translation:

Grande Ink, questo e' colpo da maestro. Se la robina blu di repubblica non ti linka nemmeno stavolta, si scrive una lettera in carta intestata all'Ingegnere.
Peraltro ti chiederei di aiutarmi a risolvere tutta un'altra serie di dubbi che da una trentina d'anni o giu' di li' mi danno noia: si va dalle cose scontate tipo chi ha ussiso JFK o dove cacchio e' Bin Laden a cose piu' personali tipo dove ho lasciato parcheggiato il motorino sabato notte o che fine ha fatto il mio bootleg dei Mind Funk live a Milano nel 91.
Te ne saro' per sempre grato. matte

Il tutto aggravato dall'essermi firmato ilnyc.blogspot.com - no, dico, commenti su un blog trafficato come Inkiostro (anche) nell'affannoso tentativo di cercare qualcuno che faccia un po' di compagnia a quei poveri Cristi dei tuoi quattro lettori del Manzoni e non ti firmi neanche come si deve?

2. Altre volte ho effettuato delle pericolosissime inversioni di termini, tali da non fare capire una mazza di quello che volevo dire.

A questo post di Fabio De Luca, intitolato "Ultimo spettacolo":

Di recente lo frequentavo poco, ma i primi tempi in cui stavo a Milano era una specie di dependance del salotto della allora casa mia (dove infatti il salotto non c'era). Ricordo un memorabile sonno durante il primo tempo di "Guardami" dell'incolpevole Ferrario. Spiace, e soprattutto spiace che l'unico superstite in zona sia il temibile Anteo.

... ho lasciato sto commento, da sobrio:

Il Brera in realta' io e mio padre continuavamo a chiamarlo il Paris, cinema che in largo La Foppa saltellava tra l'essai e la seconda visione, prima di riciclarsi alla grande, in piena dittatura grunge, come Brera, cinema di prima serata. Anche io vidi li' Guardami. E anche il film di De Palma con Nicolas Cage a Vegas con l'assassino nell'albergo. E anche il leggndario Fucking Amal (non sono cosi' fancy da beccare il carattere giusto su haloscan) e anche, dello stesso Moodysson, Together, con SOS degli Abba a farla da padrone (name of band misspelled because of same haloscan deficiency). Tutta sta loggorrea per nascondere a me stesso la devastazione per la perdita (sono cresciuto in via Moscova, capiscimi -- ed era tutta un'altra zona, peraltro).

Fin qui tutto bene, sort of. Poi pero' torno a casa qualche decilitro di vodka dopo ed ecco che combino. A meta' tra l'eccitato e il challanged dalla risposta dell'autorevolissimo fdl:

Matte: da tempo sono convinto che quella lunga, logorante, interminabile entropia che comunemente chiamiamo fine del mondo sia iniziata con la chiusura della Feltrinelli in Paolo Sarpi (ne scrissi anche allora, anche se non trovo più il pezzo); il Brera è... un altro pezzo di realtà che si sgretola.

... combino questo disastro, in cui mi cimento in maniera improvvida - ma speravo, in fondo, efficace ... l'alcol mi da' sempre l'illusione di essere il James Bond di Piazza Piemonte - in territori non miei (cazzo significa "lo-fi testosterone"?), fino a mandare tutto irrimediabilmente in vacca alla fine:

Ricordo il tuo pezzo. [Palla allucinante, pessima captatio benevolentiae] In realta' la Feltrinelli capi' la fine dei '90 ben prima di noi: chiuse nella restante Paolo Sarpi ed apri' accanto alla Rinascente. Mentre noi pensavamo che il secolo nuovo fosse iniziato cogli Strokes (in realta' prosecuzione dei '90 camuffata, senza troppe menate politiche e un po' piu' di lo-fi testosterone), la Feltrinelli anticipava di un bel po' di anni il mullet business di myspace: ti attraggo con TRL, Spizzico e Burger King e poi ti rifilo, se proprio lo vuoi, Marcuse. Non ci resta che aggrapparci a quello di Paolo Sarpi, oramai.

Idiota. Sei un brutto idiota: il commento cosi' non vuol dire piu' nulla. Che fai? Correggi. Subito (5.18am quello sopra, 5.20am quello sotto -- Moscow time). E peggiori le cose.

Sono andato: Paolo Sarpi e' ruspante (non restante). E noi ci dobbiamo aggrappare alla Feltrinelli di Buenos Aires.

Peccato pero' che utilizzare in senso traslato "sono andato" per dire "sono un rincoglionito" quando tutto lo scambio (o meglio, l'orrendo monologo di un ubriaco senza speranza, lasciamo perdere la vergogna con fdl e i suoi sofisticati lettori) riguarda dei luoghi fisici potrebbe sviare anche il piu' volenteroso e paziente dei miei esegeti (che non esistono, ma vabbe': il mondo e' pieno di ingiustizie). Sembra quasi che stia dicendo di essere andato in via Paolo Sarpi, dove c'era un tempo la Feltrinelli, avere appurato che il luogo e' ruspante e non, come avevo inizialmente battezzato, restante (sono un precisetti, eh) e poi culminare il tutto con memento che manco fossi un predicatore del Kentucky (lo stato piu' povero degli U.S., ergo coi predicatori verosimilmente piu' sfigati).

3. Ma la chicca irraggiungibile e' in una serie di commenti su JunkiePop, commenti peraltro fuori tema e coll'aggravante che le minchiate che ho scritto sul blog del nostro si leggono tutte in maiuscolo.
JunkiePop posta su Chris Walla e i Wombats. Bene. Ecco che gli scrivo, da sobrio si', ma nonostante cio' pazzo furioso:

Okay, un commento che non c'entra un tubo con il post, ma con cose di cui hai parlato qua e la'. Che ne pensi della cover che Cat Power fa di Stuck Inside Mobile With The Memphis Blues Again nella colonna sonora di I'm Not There? Ad alcuni disturba che lei imiti apposta la voce di Dylan. A me la cosa diverte e piace. Perche' e' un bel casino imitare Dylan. E che riescano a farlo benissimo lei e Cate Blanchett, mi piace. Anche se il pezzo che preferisco della colonna sonora e' Ballad Of A Thin Man -- genio che canta genio.

Per ora nessun errore -- completamente fuori tema, una frase finale che rende quanto precede inutile (o viceversa), ma ancora nessun errore. Il buon JunkiePop risponde educatamente:

@matte: su cat power spesso assumo prese di posizione da ultrà però mi chiedo se quelle stesse cose si dicono di malkmus nel brano che dici tu, perchè lui sì che imita e parecchio dylano.però si sa malkmus non ha mai tradito e cat power si (cosa poi non è dato sapere) e quello che fa chan da un paio d'anni a sta parte non va bene. non beve più e non va bene, fa the greatest e non va bene e millanta altre minchiate.perchè tali sono, semplicemente il suo brano in quella sonora lì è un grande brano come il 95% della colonna sonora, godibile.Ma mi rendo conto che personaggi indie (in senso abbastanza ironico) ragionino ormai per partito preso. Secondo il loro ragionamento l'unico brano valido di quel disco è la cover di Anthony. Non se ne esce sennò

Okay forse era ubriaco pure lui o forse sono io troppo coglione per non capirlo neanche ora, da sobrio. Comunque fa niente. Allora non ho capito nulla e guarda che cosa sono riuscito a biascicare:

do per certo che tu fossi a roma quando passo' nel tour del 2003. [chi?? Anthony? Malkmus? Cat Power?] quando scese dal palco e chiccherava e faceva la fattona [ok, Cat Power] con tutti non nascondo di essermi detto "adesso vai e te la fai, cosi'". ovviamente non lo feci e due giorni dopo un mio amico mi disse di averci fatto una mezza lingua. ili tutto per dire che non so come prendere la nostra. ne sarei innamorato perdutamente se non fosse estremamente chiaro che mi manderebbe alla neuro [manca parola] meno tempo di quello che servi alla graf per sbarazzarsi della svereva nell'88.
Come avrai capito da sopra l'alcool che ho in corpo mi ha reso cosi' stupido da non capire nulla del tuo commento -- che cover ti piacciono orsu'?
-
JunkiePop risponde ancora una volta da persona colta e perbene (a me che non lo merito):

e invece pensa non c'ero. C'ero quest'anno e vederla mi ha immobilizzato per un'ora e rotti. le cover, su tutte quelle dei sonic youth, anthony e malkmus (ma qui c'entra molto anche la fase del film in cui era messa). Poi quella di Cat Power l'ho trovata calda, quando cmq tutte le canzoni di Dylan mi sembrano distanti e un po' buttate sempre lì a mo di "tiè testa di cazzo, ascolta". Quella di Tweedy anche è immancabile come un suo valore ce l'ha la Gainsbourg con i Calexico. Ecco lei è sottovalutata secondo me , con Dylan non c'entra nulla ma non ha sfigurato, sarà sicuramente per i Calexico. Dimenticavo, Calexico e Iron and Wine. Ma questa la metto tra le preferite, anche se è una reinterpretazione totale, e con lo stile di Dylan c'entra una mazza.E' che quest'anno il disco degli Iron and Wine è una di quelle cose di cui ho abusato. E in questo si sente

E io, ora, faccio pure quello che taglia corto, tu dimmi:

d'accordo sulle tue selezioni (thx 2 il mio tasso d'alcool che scende). [cazzo significa lo so solo io] pensa non sono riuscito a vedere il fil, nonostante ne pensavo abbondantemente dall'estate. [parlo peggio di un oriundo uruguagio che non gliela fece a fare parte della spedizione di Pozzo ai vittoriosi Mondiali del '38] alright, spero di essere in condizioni migliori la prox volta che passo a commentare

Ecco appunto. Senno' ti porto alla Betty Ford a calci nel culo.

* * *
Ah, sono tornato a New York.

Fa piu' freddo che a Mosca. Ma e' bellissima e ne sono perdutamente innamorato. Ma giovedi' vado a tradirla con una bruttina scorbutica che pero' e' interessante e sempre in grado, chissa' come, di farmi tanto sangue.

Si chiama Milano.

lunedì 17 dicembre 2007

Quegli Unicorni del Cazzo

Riemersioni a scopo di vendetta

In omaggio all'esaltazione che ci prese sui dancefloor del 2002/2003 quando ballavamo contenti Glass Danse dei Faint, Olio dei Rapture ed Emerge dei Fischerspooner, ecco il nuovo singolo del duo newyorkese. Mi sembra passato un secolo.

Fischerspooner - The Best Revenge

Qualcosa mi dice che tutto ci è già cambiato sotto il naso.

[via]

venerdì 14 dicembre 2007

Ginnastica per barbonicini...umani

Io non è che abbia molte parole per questo.

Pagine e pagine di vagine

Figa. Una figa ha scritto un libro sulla figa pieno di foto di figa.
E in un'intervista al New York Magazine rilascia affermazioni come:
We ended up shooting about 50. We wanted a variety of colors and shapes, hair and without hair. We concocted this table in a photo studio like you'd have at the gyno — a clean, sterile table with disposable paper. I paid $50 a vulva.
One woman said, "I can't wait for the book to come out. I'm going to make my boyfriend pick mine out."
I don't care what you end up doing as long as it's for you first and foremost. If you're waxing because your boyfriend won't have sex with you otherwise, you need to think about that.
I was totally into it, but in doing my research and realizing what it takes for a place to be sanitary, I went on a panic attack. So right now I'm au naturel. But I don't see the point of just removing some from the sides. For me it's a Brazilian or nothing.
If you ever go into a Cheesecake Factory, their lampposts are totally vaginal, too. Now I see vulvas everywhere.
Mi viene un dubbio: non sarà un po' un libro del c...?

PASTcards from Italy

“Basta! Basta! Basta!” Beppe Grillo, a 59-year-old comic and blogger with swooping gray hair, howled in an interview. The word means “enough,” and he repeated it to make his point to Italy’s political class clear.
Quando gli organi di stampa stranieri parlano male del nostro Belpaese ci arrabbiamo per come veniamo dipinti mediante una nota serie di cliché negativi che pensiamo non esser veri o perlomeno non più attuali; peccato che anche i luoghi comuni positivi siano ormai in clamoroso ribasso, a quanto pare. Robe del passato.
Comunque è con spirito critico e diffidenza che mi sono accinto a leggere l'ultimo articolo sulla situazione italiana in prima pagina del New York Times e, porca puttana, gli ho dato ragione su quasi tutto. Quel "quasi", per inciso, è solo un rimasuglio che è rimasto attaccato alle mie patriottiche dita mentre digitavo sulla tastiera.
Un'unica cosa: riguardo il titolo dell'articolo, quando parlate di noi, finitela di fare riferimenti all'opera lirica (o a Michelangelo, per dire). Da allora abbiamo sfornato tantissime cose significative, tipo....Ciao e buon fine settimana ai lettori di Icepick.

giovedì 13 dicembre 2007

Justice a Milano ieri sera....



Concerto eccezionale ieri sera a Milano per i Justice
ai Magazzini Generali...
Decisamente il piu' bel concerto che io e Icepick abbiamo mai visto...
Bravi tutti davvero!

mercoledì 12 dicembre 2007

Indovina chi


C'è qualcuno che, a un certo punto, si è tinto i capelli.

Se non hai capito chi è, clicca qui.

martedì 11 dicembre 2007

Wu-Tang Clan come i Beatles


C'è un prima e c'è un dopo i Beatles nel pop/rock, c'è un prima e c'è un dopo i Wu-Tang Clan nell'hip hop.
Nel nuovo album, questi ultimi fanno una sorta di cover (è usato il campionamento di una cover) di un meraviglioso pezzo dei primi, chiamando a collaborare la principessa Erykah Badu, John Frusciante e, in assenza di chi la compose, il figlio di questi, Dhani Harrison.
Qua c'è RZA (lo conoscete tutti no? per citare il suo più grande e forse primo sdoganamento: colonna sonora del film culto Ghost Dog con cameo) che ne parla.



Pare che
Out of respect for George Harrison, RZA, who produced this song, asked Harrison's son to play rhythm guitar in addition to percussion. It was played using a mint condition Gretsch guitar from 1961 which was given to RZA as a gift from Russell Crowe after they had finished filming American Gangster.
Tranquilli, i Wu-Tang sono Pitchfork approved. Notare come l'eroe della webzine chicagoniana (ma pure mio), Ghostface Killah, qui alle prese col secondo verso, sia come al solito quello che spacca di più.

The Heart Gently Weeps [mp3]

Ma forse questo pezzo così, se non li conoscete, non vi dice molto; è una ballata, in fondo.
Allora ecco un bonus track, scelto tra i tanti, dove si può intuire la novità che hanno rappresentato in termini di produzione di suoni e rima.

Triumph [mp3]

Sono gli unici che mi tentano ad abbandonare quegli attillatissimi jeans a vita bassa che vanno adesso a favore di pantaloni extra large; la calzamaglia da mettere in testa la rubo poi a mia madre.

Grammyi Awards Nominations

Non si può nemmeno più soffiare il naso che i maligni travisano.

venerdì 7 dicembre 2007

Video Interpol live in Milan 13.11.07


Video dell'ultimo concerto degli Interpol a Milano, andato in onda su All Music, inclusa intervista in cui Banks confessa di ascoltare Eros Ramazzotti: finalmente rivelata l'influenza di quei pessimi testi.
Scaricabile da qua (file torrent, bisogna registrarsi al forum).
Se si vede uno che va a prendere i cappotti prima della fine sono io. Ma io non lo so, se si vede, perché col cavolo che dopo essermi annoiato allora, mi riannoio pure ora riguardandomelo.

commencement

Tic tac. Stai per tornare. Solo una settimana fa non ci avresti mai creduto, ma adesso inizia quasi a dispiacerti. Non sei certo triste, perche’ sai che presto riabbraccerai persone e citta’ meravigliose. Ma sai che ti restera' un'immagine molto definita e forte di questi due mesi a Mosca. Ti ricorderai del bianco, del buio, del freddo, del fumo, dell’alcol, di chiacchiere incomprensibili, di isolamento e risate, dentro e fuori. Non sei piu’ piccino, il tempo purtroppo vola via adesso e ovviamente te ne dispiaci, che’ due mesi nella prima parte dei trenta chi te li rida’ piu’. Peccato perche’ senza l’impaccio biologico del tempo che scorre, sembrerebbe quasi perfetto potere continuare a sommare esperienze, entusiasmo e curiosita’. Al di la’ delle battute fatte, dopo tutta la fatica per sintonizzarti con una realta’ nuovissima e apparentemente incomprensibile in fondo ti fa piacere avere abbandonato tanti preconcetti. Un po’ ridi e un po’ ti incazzi con te stesso se pensi che sei li’ a dispiacerti per la partenza. E’ un po’ come quando ti senti fesso e superficiale mentre scopri che la persona che credevi non ti piacesse affatto ti ha invece conquistato. Ora che ti sta sfuggendo scopri che quella stessa cosa che all'inizio hai odiato, guardato con sospetto e poi pian piano timorosamente assaggiato, ora ti sembra quasi ti stia facendo affezionare. Come quello che ti ha regalato in quelle assurde 72 ore dello scorso week-end, quando hai riabbracciato vecchi amici e te ne sei fatti di nuovi: tutti con storie, eta’, culture, nazionalita’, capacita’, mezzi diversi. Sembrava di essere in una centrifuga sociale che, quasi per dispetto, invertiva ripetutamente il moto e tu saltavi da una parte all’altra, tra persone, prospettive, odori e suoni che cambiavano ogni volta. Non dimenticherai certo la solidarieta’ tra expats, una cosa cosi' bella da ridarti piena fiducia nel genere umano. Ora esci a rincontrare i tuoi nuovi amici. Forse per l’ultima volta, per l’ennesima ultima volta, giusto il tempo dei saluti. E dell'ultimo giro di bevute. Tic tac.

The White Stripes - I'm Slowly Turning Into You (mp3)

Classified info

Mentre preparo con mille affanni la mia cacchio di classifichetta di fine anno, attivita’ per cui mi vergogno quasi piu’ di un ladro, vi mollo i miei primi posti degli ultimi 16 anni, cosa per cui mi vergogno ancora di piu’.
I migliori dischi secondo la mia percezione di allora e non quelli che ho scoperto nel frattempo o hanno iniziato a piacermi a partire dall’anno successivo.
Del resto nel corso degli anni ho venduto circa la meta' dei dischi qui sotto in cambio di un po' di beer money.
(Li ho poi riacquistati tutti, come ogni cafone arricchito che si rispetti quando Icepick ha staccato il primo pingue assegno per la mia fondamentale collaborazione al blog che leggete.)
Sono conscio - altrimenti mi dovrei davvero preoccupare - che di tutto questo non vi freghi assolutamente una mazza.

1991 Mr. BungleMr. Bungle // Nirvana - Nevermind
1992 PavementSlanted & Enchanted
1993 FugaziIn On The Kill Taker
1994 BlurParklife
1995 Aphex Twin I Care Because You Do
1996 FugeesThe Score
1997 Daft Punk Homework
1998 Belle & SebastianThe Boy With The Arab Strap
1999 Niente*
2000 Radiohead Kid A // At The Drive InRelationship of Command
2001 The StrokesIs This It?
2002 InterpolTurn On The Bright Lights
2003 Damien Rice - O
2004 Arcade FireFuneral
2005 Clap Your Hands Say Yeah - Clap Your Hands Say Yeah
2006 The KnifeSilent Shout

* Nulla mi colpi’ particolarmente: ricordo che ascoltai molta roba vecchia e riportai a nuovo il disco di Lauryn Hill dell’anno precedente. Il 1999 fu per me una specie di anno sabbatico musicale. Oggi i miei dischi preferiti del 1999 sono 69 Love Songs dei Magnetic Fields e Keep It Like A Secret dei Built To Spill.

Noto con preoccupazione - la classifichina postuma e' la goccia che fa traboccare il vaso - che da un po' di giorni a questa parte son proprio diventato un fucking bore.
Pazientate e pensate a chi sta peggio di voi, tipo io che mi devo sorbire per 19 ore al giorno.
Quando rifocillo la vena esaurita prometto che invece di ste cacchio di classifiche vi parlo di quando, cercando di emulare gli eroi del Giro d'Italia 1995, sfidai a una volata mio fratello e mi sfracellai colla bici nel garage di casa.
O di quando un intero vagone della Linea 1 della MM (tra Cordusio e Cairoli, una tratta che conta insomma) e' scoppiato a ridermi in faccia per la craniata che ho preso cercando goffamente di salire al volo.
Exciting life, uh?

giovedì 6 dicembre 2007

Togliersi il peso - Top 10 albums of 2007

Non si scappa, ora c’hai un blog, mica puoi far finta di niente come gli altri anni.
Il problema è che tantissimi dischi manco li hai ascoltati e non sai scrivere di musica.
Ma non si scappa, questo è certo.
E allora che fare?
Ascolta il tuo stomaco e pensa a chi andresti a veder suonare nonostante 38 di febbre. Lo stomaco non ti ha mai tradito.
Ah mi raccomando, non fare il figo: in fondo, hai gusti quasi mainstream.

L’annata è stata eccezionale, con tante uscite importanti.
La parola chiave ti pare “conferma”.
Pensi infatti a come due pezzi da novanta come Arcade Fire e Lcd Soundsystem, al varco dell’insidioso secondo album, siano riusciti a rimanere se stessi ai massimi livelli pur distanziandosi dal primo lavoro.
Altro secondo disco e altra conferma per te è il caso dei Band of Horses: basterebbero i primi quattro pezzi per sognare tutto l’anno di una vita nuova di pacca, a camminare per l’East Village con la loro musica nelle orecchie.
E i Modest Mouse? Se non è una conferma questa! Un disco bellissimo e straordinariamente vario. Se poi ci aggiungi un tocco di mito alla chitarra.....
Dei Wilco che c’è da dire? Un altro disco, un’altra pietra miliare sulla strada del miglior rock & roll. Di sempre.
Jack & Meg. La loro importanza prescinde dal singolo disco; ma salti letteralmente in aria quando spari Icky Thump dallo stereo...manco fosse un pezzo dei Pantera; un distillato di nervi e sensi.
Un po’ meno conferma per le care Stelle canadesi, ma le difendi, anche perché confrontarsi con la perfezione assoluta del precedente era una sfida troppo difficile da vincere.
I National e i loro gioiello di disco.
I Radiohead. Eh sì, i Radiohead. Il gruppo dell’anno per tutti pur non essendo il gruppo dell’anno per nessuno. Ma l’heavy rotation per te c’è stata eccome, anche se per meno tempo di quanto ti aspetteresti quando si tratta di gente come loro.
E poi. E poi il disco più bello dell’anno col titolo più brutto del decennio. Con il buon umore che ti mette, è sicuramente da isola deserta assieme a pochi altri.

Insomma, ancora un anno di musica, di quella cosa che ti esalta, diverte, emoziona, guarisce da circa 20 anni e ti aspetti lo faccia per almeno altri 20.

E allora via, togliti il peso, liberatene, pubblica sta cavolo di classifica dei tuoi Top 10 dischi dell’anno*.

*i singoli brani sono i preferiti del relativo disco

L'importanza di farsi circondare da validi professionisti

for all degenerates dudes and chicks in the city tonite

this soundz like fun

ne riparliamo nel 2027, ma non vedo perche' no


I'm fairly confident that this song will go down as a timeless pop classic. Give it a few decades.

Panda Bear - Bros, canzone dell'anno per Gorilla Vs. Bear (io personalmente preferisco Comfy In Nautica, ma stiamo comunque parlando di livelli altissimi).

La punizione per chi non ascolta i Radiohead

Dal Listening Post, sulla presa di posizione dell'U.S. Department of Justice in un amicus brief secondo cui una multa da novemila e passa dollari cada canzone scaricata illegalmente passerebbe lo scrutinio di costituzionalita' negli Stati Uniti:

"Thomas had been found guilty of sharing 24 songs on the Kazaa file sharing network -- an average of $9,250 per song. She and her lawyer argued that the damages were unconstitutional, given that those 24 songs would have cost only $23.76 on iTunes. According to Assistant Attorney General Jeffrey Bucholtz, the damages are not "so severe and oppressive as to be wholly disproportioned to the offense."
The next logical question is, "well then, what level of damages would be proportioned to the offense?" Bucholtz claims to be stumped. In his brief, he writes, "it is impossible to calculate the damages caused by a single infringement, particularly for infringement that occurs over the internet."
So the damages are impossible to calculate -- nonetheless, they were calculated to be $9,250 per song.
"

Su un tema del genere potrei scrivere un trattato, ma ve lo risparmio volentieri perche' in fondo a voi ci tengo. Osservo solo tre cose, con un caveat finale.

1. L'argomento per cui le canzoni sarebbero costate solo $23.76 e' irrilevante: la sanzione ha funzione non solo retributiva ma anche preventiva, perche' senza deterrente nessuno avrebbe dubbi su cosa convenga fare tra condotta vietata e lecita.

2. Il tema e' quindi quello della sanzione ottimale, su cui c'e' un'infinita' di letteratura tra gli studiosi di diritto penale/amministrativo e di law and economics. C'e' addirittura la famosa formula del Nobel per l'economia Gary Becker per cui, assumendo perfetta informazione degli individui, la sanzione ottimale e' data dal prodotto del danno per l'inverso della probabilita' di essere condannato. Ad esempio se il biglietto del tram costa un euro e c'e' solo una probabilita' su venti che i controllori mi becchino, la sanzione ottimale dovrebbe essere venti euri. Il meccanismo serve essenzialmente a risparmiare soldi in attivita' repressiva: se il comune decidesse di investire meno in controllori, in modo da rendere la scoperta dell'illecito piu' remota, diciamo una probabilita' su cinquanta, non dovrebbe fare altro che aumentare la multa a cinquanta euro. Il che in se' creerebbe qualche problema redistributivo perche' i cittadini pagherebbero di tasca loro delle scelte di bilancio della pubblica amministrazione. Il tutto, poi, si basa su un assunto che difficilmente si verifica nel mondo reale: ossia che gli individui che devono attenersi alla condotta siano bene informati sul danno arrecato alla collettivita' e alla probabilita' di essere scoperti. Quando questo non avviene gli economisti piu' liberal ci ricordano che sarebbe il caso di abbassare le sanzioni ed aumentare l'attivita' di enforcement in modo tale da scoraggiare la condotta vietata e punire il giusto chi viene beccato.

3. Chiaramente nel caso dell'illegal downloading mancano le informazioni sufficienti per permettere di utilizzare l'equazione di Becker. Da un lato non e' affatto chiaro se sia corretto sostenere che il danno subito dalla RIAA equivalga ai 99 cents. Vero, la canzone costa quella cifra. Qui pero' non stiamo parlando della proverbiale pagnotta che se ti rubo non puoi piu' venedere a un terzo. Qui siamo di fronte a un bene che viene rivenduto in serie da un monopolista (il titolare del copyright) senza essenzialmente alcun costo per l'unita' aggiuntiva, che il colpevole probabilmente non comprerebbe mai (le statistiche ci dicono che le canzoni illegalmente scaricate vengono ascoltate in media meno di ... una volta!). Insomma, il pricing di beni immaterialli come le canzoni e' alquanto complicato. Dall'altro lato, nessuno ha idea della probabilita' di essere scoperti, nemmeno in un paese in cui enforcement e studi statistici sono sviluppatissimi come negli Stati Uniti. Ecco perche' alla coscienza comune oltre novemila dollari cada pezzo risultano immediatamente come una sanzione spropositata, anche a tenere conto delle finalita' deterrenti/repressive della stessa.

Tutto quanto precede si occupa esclusivamente del problema sanzionatorio, non delle domande etico-economiche di vertice circa la "criminosita'" dell'illegal downloading, ne' tanto meno dei moodi ottimali per remunerare gli artisti e chi lavora nel business. Anche li' avrei un po' di cose da dire, ma non ora, a parte una noterella personale. Lo dico a costo di sembrare profondamente uncool, mai io compro cd e compro musica, perche' fortunatamente ho un tenore di vita generalmente sobrio che mi permette di farlo (non ho famiglia, non ho macchina, ne' motorino, non spendo tanto in vestiario, poche vacanze causa lavoro, etc.) e trovo giusto (e sinceramente questo e' quello che piu' mi sta a cuore nella vicenda) remunerare gli artisti che mi piacciono e che per passione rischiano tutto quello che hanno tra i venti e i trenta per poi, il piu' delle volte, scomparire e finire a fare, in attesa di un agognato reunion tour, i baristi sotto casa. Comunque, ognuno fa quello che vuole con la propria coscienza e lungi da me esprimere alcun giudizio, ci mancherebbe. E se anche subisco le conseguenze di chi non paga, me ne fotto (i biglietti dei concerti sono tendenzialmente assai piu' cari di un tempo proprio per la flessione nelle vendite, anche se questa non e' interamente dovuta all'illegal downloading ma anche all'offerta che negli ultimi tre/quattro anni si e' moltiplicata notevolmente).
-
Va da se' che detesti profondamente la music industry, la RIAA, SIAE, etc. Da un lato per l'arroganza, dall'altro per la manifesta incapacita' e inutilita' della struttura sociale. E sono spaventato se penso a quanti soldi stiano spendendo in attivita' di lobbying a D.C. e in altri luoghi (la nuova legge canadese pare gridi vendetta). Per questo, quello che mi sentirei di consigliare in conclusione un po' a tutti, da "addetto ai lavori", e' di evitare di descrivere abitudini di downlading sui propri blogs, twitter etc.: trattasi di manna che piove dal cielo per le varie GDF e sarebbe un po' fesso presentarsi con una cosi' palese ammissione di responsabilita'. Anche se ora tutto piu' o meno tace qui da noi, datemi retta che non si sa mai.

mercoledì 5 dicembre 2007

Sumo in tha hood

Capita che sei lì che cammini con questo vento assurdo che taglia le street e travolge le avenue. Pur aprezzando le sfide estreme, roba come camminare a New York facendo finta di non essere un turista, ti blocchi, malfermo sulle ginocchia surgelate e decidi di vincere la tua naturale, indefettibile timidezza da avventore e entrare in un locale. Attenzione, si tratta di scegliere con grade cura, estrema cautela, perchè la crisi di panico è dietro l'angolo e basterebbe un "to go or to stay", detto troppo veloce per rovinare tutto e provocare la tua fuga, di nuovo al freddo e al gelo ...

Certe strade e certe mura ispirano il realmoscovita Michele "Sumo" Dalai che con un racconto strepitoso riapre un nuovo capitolo del suo Blue Neon. Entrambi amiamo reciprocamente definirci le persone piu' stupide che conosciamo e ci vogliamo anche molto bene.

Mio caro, anticipa al tuo fegato che ci si vede sabato.

In attesa di Lost: Cloverfield

In spasmodica attesa (febbraio 2008) della quarta stagione di Lost (serve link? naaah), sembra che la creatura cinematografica di J.J. Abrams (che nel mio gioco mai sopito delle somiglianze mi ricorda Justin Theroux), sinora oggetto di diecimila trucchi di viral marketing, esca nelle sale il 18 gennaio p.v..
Ora mi sono imbattuto nel secondo e più rivelatore trailer e mi è venuto il sospetto che sarà una grandissima cacata.
Voi che dite?

A volte mi piace persino la rumba

Parlando in tema di rapporto personale con le immagini in movimento, sotto il profilo emotivo oggi il sottoscritto non è poi così diverso dal bambino che si aggirava per casa prendendo a pugni i cuscini (con dei guanti da sci) in un’infantile e indemoniata imitazione di Rocky Balboa; o che sparava con una Luger immaginaria a chiunque gli venisse a tiro, con tanto di rumore simulato ovattato dal silenziatore, dopo essersi esaltato con la visione dell’evergreen Dove osano le aquile. Che io non sia sostanzialmente cambiato da allora lo affermo perché non molto tempo fa, dopo aver visto Miami Vice ed essermi pericolosamente immedesimato in Sonny Crockett, per una settimana buona, andando verso il mio placido lavoro d’ufficio, camminavo bello carico e pronto a scattare come una molla al minimo segnale sospetto, toccandomi di tanto in tanto la cuffia sinistra dell’iPod come fosse uno di quei sofisticati auricolari usati nelle operazioni speciali di polizia. Non sono matto, se è questo che state pensando; a volte fuggo dalla realtà e romanzo un poco, questo sì. Agevolato, nel caso di specie, dalla colonna sonora del film sparata a tutto volume nelle orecchie; Numb/Encore della scena iniziale in discoteca, ma anche il pezzo latino del mojito cubano più famoso della storia del cinema.
Se non fosse per il forte legame con certe scene di film probabilmente non andrei alla ricerca di quei brani così lontani dalle mie coordinate musicali. É l’amore, in estrema sintesi. Da innamorato non ragiono più, e ci mancherebbe. Da innamorato, finisce che mi compro l’odiato (anche perché mi ha rubato la fidanzata) Moby, per colpa del solito Mann e dell’indimenticabile scena finale di Heat.

Il mio senso critico musicale viene decisamente e affettuosamente attenuato (ma dovrei dire annullato, in certi casi) anche quando si tratta di serie televisive a cui mi sono particolarmente appassionato; mi ascolterei in loop il tema di Magnum P.I. senza vergogna, per dire.
Se però c’è di mezzo la diabolica accoppiata Josh Schwartz e Alexandra Patsavas il discorso cambia, perché quei furboni selezionano proprio i brani che noi (indie kids e indie grandpas) già ascoltiamo e veneriamo, come ben sappiamo da The O.C., Gossip Girl e ora anche Chuck. Vedasi elenco di pezzi sinora utilizzati negli episodi di quest'ultimo:

* Teddybears featuring Mad Cobra - "Cobrastyle"
* Thomas Newman - "Full Chemical Gear" (pre-air only)
* Beck - "Cellphone's Dead"
* Jet - "Put Your Money Where Your Mouth Is"
* Gomez - "See the World" (pre-air only)
* Foreign Born - "Into Your Dream"
* The Shins - "A Comet Appears"
* Ennio Morricone - "For a Fistful of Dollars"
* The Brothers Martin - "The Missionary"
* Iggy Pop - "Lust for Life"
* Spoon - "Don't Make Me a Target"
* Gnarls Barkley - "Gone Daddy Gone" (originally by Violent Femmes)
* The New Pornographers - "Challengers"
* Spoon - "Don't You Evah"
* Gotan Project - "Santa María (del Buen Ayre)"
* Mozart - "Duettino - Sull'aria"
* Band of Horses - "The General Specific"
* The National - "Slow Show"
* Matt and Kim - "Yea Yeah"
* Matt Pond PA - "Wild Girl"
* Apartment - "Fall Into Place"
* Hall & Oates - "Private Eyes"
* Envelopes - "Sister in Love"
* Rogue Wave - "Lake Michigan"
* Free - "All Right Now"
* Editors - "Weight of the World"
* Finley Quaye & William Orbit with Beth Orton - "Dice"
* Rob Base and DJ E-Z Rock - "It Takes Two"
* The Fratellis - "Chelsea Dagger"
* Oasis - "Don't Look Back in Anger"
* Switches - "Drama Queen"
* Hall & Oates - "Maneater"
* Britney Spears - "Toxic"
* Eels - "Fresh Feeling"
* The Isley Brothers - "Ain't I Been Good to You"
* Meredith Bragg - "My Absent Will"
* Band of Horses - "No One's Gonna Love You"
* Pop Levi - "Sugar Assault Me Now"
* Daniel May - "On Sale Now"
* Modern English - "I Melt with You"
* Nelly - "Pimp Juice"
* Johnny Marks - "A Holly Jolly Christmas"
* Run DMC - "Christmas in Holis"
[via]

Così, dai e dai, finisce che mi sono procurato il pezzo della sigla di Chuck che, devo dire, non è niente male.
Ovviamente.


martedì 4 dicembre 2007

sick for money or sick of money?

E' un po' che vado chiedendomi come sia possibile che i moscoviti spendano cosi' tanto. Credetemi, proprio tantissimo: quasi tutti quelli con cui ho parlato hanno placidamente ammesso che circa tutto il loro stipendio se ne va via tra vestiti, ristoranti, macchine, squadre di calcio, etc. (l'ultima l'ho buttata li', dai). E il colmo e' che Mosca si dice essere la citta piu' cara del mondo. Per un'idea: una cena in un posto a buon mercato ti alleggerisce il portafoglio di non meno di 40/50 dollari; e si deve trattare di un posto davvero a buon mercato. In uno medio te ne partono dagli 80 ai 120 bevendo vodka, non vino. Se a cio' aggiungi la malsana passione per i capi firmati (oltre che per i capi tout court, but that's another story) ti fai un quadretto ancora piu' preciso.

Queste le spiegazioni che mi sono dato:
  • backlash psicologico contro quello che si e' stati in passato e voglia di rifarsi del troppo tempo perduto: come diceva un mio insegnante, scoprire tardi i soldi (e lui aggiungeva il sesso, anche se in modo piu' sciovinista) rischia di tirarti completamente scemo;
  • in passato ('91 e '98 in particolare) il rublo ha subito svalutazioni pesantissime, con i russi che si sono svegliati piu' di una volta trovando carta straccia sul proprio conto in banca: i soldi sono passeggeri, i beni restano (certo, le cene no, ma vai al punto successivo);
  • a loro in fondo sono sempre mancati i beni, non i soldi: ai tempi del comunismo, assenti beni di consumo, i soldi, anche se c'erano, valevano poco niente (lo stato provvedeva peraltro a offrire l'intrattenimento gratuitamente); quindi, anche psicologicamente, i soldi non sono poi molto importanti, mentre i beni di consumo e certe forme di divertimento che prima erano assenti lo sono assai di piu' (insomma non parlategli dei Radiohead, per tacere di Chris Anderson);
  • infine, dato per nulla secondario, i russi hanno una flat tax del 13% (pagano il 13% a prescindere da quanto sia il loro reddito -- how fair, uh?) e dunque, a parita' di altre condizioni, hanno molti piu' soldi da spendere.
I miei due rubli fantapolitici: se per una qualsiasi ragione il mondo dovesse in futuro divenire, come ci si augura un po' tutti, meno petrolio/gas-dipendente, questi rischiano di andare con il culo per aria nel giro di pochissimo. Se penso alla totale assenza di coesione tra ceti medio-bassi da un lato e nuova borghesia ricca o moderatamente benestante dall'altro, e considero il fastidio che i nostri nutrono nei confronti delle mezze misure, non mi stupirei affatto di un ritorno del comunismo, anche se magari non proprio subito, via. Peraltro, come puo' testimoniarti Macca, non parrebbero nemmeno troppo spaventati dalla prospettiva di finire ... back in the U.S.S.R.

No one can play guitar...with Johnny Rotten

Mentre i Sex Pistols vengono scelti come headliners assieme ai Police all'Isle of Wight Festival 2008, Johnny fa il finto punk alla presentazione di Guitar Hero 3, a quanto pare tenendo una media di più una parolaccia al secondo. Che paura.

Band of Horses on tour photo blog


Ho scoperto con sommo piacere il blog fotografico dei Band of Horses in tour ("10 dudes on a bus"). Con sommo piacere anche perché mi sono innamorato, lentamente ma definitivamente, del loro secondo album, che da molti fan del primo è stato accolto tiepidamente. A me piace moltissimo e mi dà quel tipo di sensazioni che mi davano i Cure a 16 anni, malinconia sognante su tutte (quella chitarra, quella voce). Be', più o meno.
Se non estendono ad altre date nostrane, medito seriamente di prendere un mezzo e andare a una di queste:

2-20 Dublin, Ireland - Button Factory
2-21 Glasgow, Scotland - ABC
2-23 Birmingham, England - Academy
2-24 Manchester, England - Academy
2-25 Bristol, England - Thekla Social
2-28 Paris, France - La Maroquinerie
2-29 Cologne, Germany - Gebäude 9
3-01 Amsterdam, Netherlands - Paradiso
3-02 Hamburg, Germany - Knust
3-04 Copenhagen, Denmark - Vega
3-05 Gothenburg, Sweden - Sticky Fingers
3-06 Stockholm, Sweden - Debaser
3-07 Oslo, Norway - Rockefeller
3-08 Stavanger, Norway - Folken
3-10 Berlin, Germany - Columbia Club
3-11 Frankfurt, Germany - Mousonturm
3-12 Oslo, Norway - Garage
3-13 Zurich, Switzerland - Abart
3-14 Lausanne, Switzerland - Le Romandie
3-15 Brussels, Belgium - Botanique

Anyone Can Play Guitar...with Laura Veirs


Laura Veirs dà lezioni di chitarra. Io inizierei volentieri, se non fosse che Portland mi resta un filo fuori mano.

Ungheria portami via

All'Europa unita ci teniamo, ma da qui a pensare che l'Europa sia una nazione ci passa tutta l'ignoranza di una che è arrivata sesta ad American Idol.
Straordinaria. Ma non te lo hanno insegnato a scuola?

lunedì 3 dicembre 2007

Viaggio al termine della strada

Uomo e bambino, padre e figlio, senza nome, denutriti e scheletrici, camminano lungo la strada diretti a sud, attraversando una terra devastata da un evento apocalittico non meglio precisato, il sole oscurato dalla cenere, l’inverno perenne, le piante bruciate, le case depredate e sventrate, gli animali estinti, incontrando solo bande di cannibali che mangiano i loro stessi figli.

Questa, e niente altro, è la trama de La strada, di Cormac McCarthy, lo scrittore americano premio Pulitzer considerato l’erede di Faulkner, qui dalla prosa meno ricca che nei precedenti (capo)lavori ma non meno emozionante nella sua asciuttezza; brevi quadri di azioni quotidiane, di dialoghi indimenticabili.

Non c’è speranza, non c’è meta, non c’è ragione di vivere, perché se anche sopravvivi a tutto, cosa c’è ad aspettarti? Il mondo non c’è più.

Ma uomo e bambino continuano a lottare istintivamente per vivere, anche se sarebbe più facile farla finita, in uno struggente e lirico viaggio che pone al lettore le grandi domande della vita e che respinge (a volte è insopportabile) e attira morbosamente allo stesso tempo

Non riesco a scrivere di più, sento già la fatica di quando si banalizzano le cose grandi che ti hanno emozionato.

I am a Gossip Boy

Guardo Gossip Girl, me ne vergogno e non sono l’unico (a guardarla, ma anche a vergognarsene, credo). O meglio, me ne vergogno davvero solo ora che, dopo nove episodi, si è rivelata per quello che è: una serie (per teenager) di basso livello, con personaggi di cartone e una trama davvero povera. Una cosa brutta, insomma.
Il NYMag tiene in pratica una rubrica apposta che, in linea con la tradizione del giornale, non si prende sul serio ma nemmeno elimina il sospetto che a loro piaccia davvero.
Meno male che ci pensa il più snob e intellettuale New Yorker a stroncarla come la solita serie della CW il cui massimo pregio è che “most of the actors are worthy of the Abercrombie & Fitch catalogue”.
Basta, non lo guardo più!
Vedo solo l’ultimo episodio che ho sul computer, unicamente perché non lascio le cose a metà.

sabato 1 dicembre 2007

Saturday afternoon shots


Se vuoi convincermi delle tue puttanate Scientologyste la prossima volta non vestirti come un segnalatore della pista d'attarraggio di Malpensa.

Chi sono io per dirti che se ti piace appoggiarti a un grosso cazzo di marmo forse dovresti darti alla Dianetica e rimuonere i tuoi traumi?

Meno male che oggi pomeriggio c'eravate voi: fanculo a quei jeans skinny o slim o come cazzo si chiamano se puoi star comodo ed essere lo stesso fichissimo!