venerdì 3 agosto 2007

Zombie e zebre

Dice che a Milano in bici non ci puoi andare. Le auto sono dappertutto. E vogliono la Tua Morte.
Dice che i ciclisti sono indisciplinati. Sgusciano sui marciapiedi come anguille. E vogliono la Tua Invalidità Permanente.
Ma perché nessuno dice che i peggiori sono loro?
Studenti che si tuffano in mezzo alla strada con sguardo inespressivo, come zombie in un film di Romero; vecchi che sbucano dal loro nascondiglio parandotisi davanti all'improvviso; sciure che passeggiano nel centro del Grande Viale ad Alto Scorrimento come fossero al Corso del Paese.
Tutti guardano dopo, mai prima. L'importante è buttarsi.
Se glielo fai delicatamente notare con un reminder acustico assumono l'espressione hai-ragione-scusa-ci-ho-provato-però-sono-un/a-simpaticone/a-vero-?
Oppure semplicemente ti mandano affanculo.
E vogliono la Tua Accusa di Omicidio Colposo. Come minimo.
Pedoni di merda.

Nessun commento:

Posta un commento